Calendario Eventi

Facebook Fan Page - Diventa fan!!!

VIDEO

Loading...

PREVENDITE

Le prevendite e tutte le info concerti:

giovedì 29 aprile 2010

IL WEEKEND DEL PRIMO MAGGIO INIZIA GIOVEDI

giovedi 29 aprile 2010
FULL MOON PARTY
  • una volta al mese
  • ogni luna piena chupito a Euro 1,00
  • only dub & dubstep music & videos
maxist (trickbag djs) - special dubstep set
La passione per la musica e la ricerca di nuove sonorità sono gli ingredienti che rendono unico ogni djset di maxist: un'accurata selezione di drumandbass che spazia dalla liquid funk piu "facile" a ritmiche piu astratte e complesse (keep drumfunk alive!). Negli ultimi anni ha fatto girare i suoi dischi in svariati club del nordest e non solo... Figura attiva del collettivo Trickbag ha dato vita alla one night BLEEP, riconosciuta a livello internazionale, che ha ospitato nomi di spicco della scena sperimentale drumandbass tra cui Fanu, Code, AndySkopes, Nucleus, Macc, Chris Inperspective, Fracture&Neptune, Equinox, djTrax...

In occasione del Full Moon party Maxist proporrà uno speciale dj set dubstep! Can't miss it!!
http://www.myspace.com/trickbagdjs
http://www.virb.com/bleep
http://www.facebook.com/Bleep.trickbag
venerdi 30 aprile 2010
LOVE PARTY
MIGUEL SELEKTA & FABIOZ

Hip Hop | RnB | Reggae | Dancehall


::::: PARTY DI PRIMAVERA :::::
IL GIORNO DOPO E' FESTA QUINDI NIENTE SCUSE !!!

giovedì 15 aprile 2010

Sabato 17 Aprile 2010 - IGNITION: BURNIN' FYAH SOUNDSYSTEM

Sabato 17 Aprile 2010 - IGNITION: BURNIN' FYAH SOUNDSYSTEM


Aspettando l'estate...

IGNITION - the beginning of a new season

ingresso libero riservato ai soci ARCI

mercoledì 7 aprile 2010

THE SKATALITES + The Duckers + Guest - domenica 16 maggio 2010

200 ingressi disponibili fino ad esaurimento... € 15,00 + dp
uno show esclusivo, intimo nello stile dei piu grandi jazz club del pianeta, unica data nel triveneto...
Prevendite disponibili presso la sede del circolo oppure online su...
http://www.drugstorelignano.com
infoline: +393457960934

THE SKATALITES
Line up: Lester Sterling / Lloyd Knibb / Doreen Shaffer / Cedric Brooks / Natty Frenchy / Kevin Batchelor / Val Douglas / Andrae Murchison / Cameron Greenlee
Il più grande e leggendario gruppo ska di ogni epoca. Nel sound degli Skatalites c'è l'inizio di tutto: da loro discende tutto lo ska e il rocksteady esattamente come dai Wailers discende il reggae. Bastano 18 mesi scarsi per inseminare la musica dell'isola e la storia dello ska: molto più che una semplice band, o una riunione di solisti straordinari, gli Skatalites sono una vera e propria istituzione, il sound della Jamaica tra gli anni Cinquanta e i Sessanta.


46th anniversary


biography:



Line up: Lester Sterling / Lloyd Knibb / Doreen Shaffer / Cedric Brooks / Natty Frenchy / Kevin Batchelor / Val Douglas / Andrae Murchison / Cameron Greenlee


When the Jamaican Military Band traveled to New Foundland in 1961, three years prior to the formation of The Skatalites, Lester Sterling was a member of the band. He was surprised to find the audience requesting Island music. In spite of this eye opening experience, for years, even the best Kingston producers primarily targeted their sounds to Jamaican dancehalls, with little thought paid to an international audience.

When The Skatalites played St. Petersburg, Russia in 2001, the band was surprised by the international response. One pair of Russian musicians traveled over 8000 miles by train from Vladavirstock, playing their own brand of Russian acoustic reggae along the way to help pay their travel expenses. Latin American fans have been known to journey all the way to Europe to catch a glimpse of the founders of ska, who rarely play South America, which is having a ska renaissance. Japan is ska mad too, where tribute band The Skaflames have a solid following and have shared the stage with the ska forefathers. On a recent Skatalites tour in Japan, one young Japanese woman arrived with sax in hand, songs memorized, ready to play along.

By the end of this year's tour, the Skatalites will have performed on every continent. Celebrating international unity, World Village Records releases From Paris With Love on May 13, 2003. The album was recorded in Paris and named after the skaliciously adapted film theme, "From Russia with Love."

Nearly four decades after the Skatalites formation, From Paris With Love features five original members. Drum and bass team Lloyd Knibb and Lloyd Brevett pre-dates the Skatalites, having played together for 57 years. Saxophonist Lester Sterling, trumpeter Johnny 'Dizzy' Moore and soulful vocalist Doreen Schaeffer carry on the never-ending rhythm they pioneered. Cedric 'Im Brooks, musical arranger and bandleader for Count Ossie and diverse projects including the consummate Light of Sabba, adds his sax to the mix.


Rounding out the roster are tenured Skatalites like jazzman Will Clark and Devon James, a fellow Jamaican who played the North Coast hotel scene with many of the original members. Ken Stewart came to the group 'by accident' in the mid-80's when the Skatalites started to trickle to the States. Before they regrouped, Lloyd Knibb started playing drums with Stewart in a local reggae band, and soon after they were both Skatalites opening for the Bunny Wailer Liberation tour. Kevin Batchelor, another reggae veteran, has played with Maxi Priest, Big Mountain and Steel Pulse.

"Of all the Skatalites' albums since the re-grouping, this one is closest to the raw-sounding Studio One stuff," said Ken Stewart. "It's basically a live recording. We arrived in Paris on Christmas Day and did 15 tracks in 16 hours. In the studio, we turned off all the processors and we didn't do any overdubs. It was just Knibb and Sterling saying, 'Do this...Tweak that...' Those guys have incredible ears."


In the Beginning, Ska was Created

The Alpha Cottage School and the Origins of the Skatalites

The Skatalites brought together the top musicians and styles of the time-fusing Boogie-Woogie Blues, R & B, Jazz, Mento, Calypso, and African rhythms -to create the first truly Jamaican music: Ska. Throughout the mid-twentieth century, experience in big bands solidified the prowess of most Jamaican musicians; yet, the genesis for many great Skatalites goes back to a boy's school established for the wayward.

The Alpha Cottage School, run by Roman Catholic nuns, educated many of the future Skatalites. Founded in 1880 and having its own band since the 1890's, Alpha was essentially a military style school that also developed top-notch musicians. Tommy McCook became a pupil there in 1938, playing his sax in the school's best orchestra by 1942. Fellow Skatalites, including master penman and trombonist Don Drummond, Johnny 'Dizzy' Moore, and Lester Sterling also attended Alpha, same way for Cedric Brooks.


"It was a good school. If you had ambition you could learn a trade: printer, carpenter, bookbinder, tailor, shoemaker, electrician," recalls Sterling. "You also could choose your instrument and tell the band leader... trumpet, sax, drum. Sometimes the bandleader would put you on the instrument he needed. Ruben Delgado was our teacher for band. A good teacher, he had studied in England and been in the military band." Delgado's band held Lester, Dizzy, Don Drummond, and Rico Rodriquez simultaneously. Dizzy Moore recalls wanting to play music from an early age. His parents didn't approve of the image and nightlife associated with musicians. When Dizzy heard a friend playing music he asked where he learned. The boy said, "Alpha, but you have to be bad to go there." Dizzy replied, "That's easy, man." Two years later, Johnny 'Dizzy' Moore was a pupil at Alpha; his folks glad to be straightening him out, Dizzy just happy to play music. Alpha, the beginning.

The Alpha School produced more than their share of the musicians of prominence during the '40's and '50's dance band era. The best of these players were central to the emerging sounds of the '60's. As set musicians, the Skatalites backed the top singers of the day. Stranger Cole, Alton Ellis, Ken Boothe, Toots and The Maytals, Delroy Wilson, Bob Marley and the Wailers, Peter Tosh, and Jimmy Cliff are a few who benefited from tight rhythms cultivated by the new Ska collective.


As a studio recording force, the band was placed all on one track with the singer on another; 'one take' recording. These conditions forged a union among the musicians that had only one logical conclusion. Tommy McCook, Rolando Alphonso, Johnny Moore, Lester Sterling, Don Drummond, Lloyd Knibb, Lloyd Brevett, Jerome Hinds, and Jackie Mittoo began working together regularly in the early sixties and formed The Ska-talites in June of 1964. The name game went on for some time. Space themes like The Orbits and Ital-ites were being tossed around. When Knibb suggestion Satellites, Tommy McCook reportedly said, "We play ska... The Skatalites."

Ernest Ranglin, Harold McKenzie, and others built on this foundation. Other great names traveling with the band included Reverend Billy Cooke and Percival Dillon, along with top-quality singers like Lord Tanamo, Doreen Schaeffer, and Jackie Opel.

The tradition of inspiring and playing on the front lines of musical frontiers has continued. In the 80's and 90's, English ska revival groups like Madness, The Specials, and Selector and their American counterparts The Slackers, HepCat, Mighty Mighty Bosstones, No Doubt and The Rocksteady 7, all tribute the Skatalites as a primary influence. This new generation have collectively opened for and played with the Skatalites, raising awareness for and reviving the fan base for a new wave of ska.

From the start, The Skatalites changed Jamaican music forever. The creation of ska -the father of rocksteady, the grandfather of reggae -gave us eternal rhythms that now infiltrate the globe.

"The Skatalites: Jamaica's answer to the Motown house band and Booker T. and the MG's combined" - Rolling Stone

http://www.skatalites.com/

***

The DUCKERS dall'estate 2008: la formazione, strumentale, è composta da trombone a tiro, sax contralto, batteria basso e chitarra... da poco hanno ampliato il loro numero di componenti e hanno "reclutato" un sax tenore.

Ska - Jazz, Musica allegra e che tiene compagnia!!! eseguono soprattutto pezzi propri senza disdegnare l'esecuzione e la rielabolazione di alcune cover nel vecchio e indimenticabile stile Ska!!! Han condiviso il palco con Mr.T Bone & Cato, Furio (Pitura Freska & ska-j), New York Ska Jazz Ensamble. Influenze: Skatalites, New York Ska Jazz, Prince Buster, Bob Marley, Rotterdam Ska-Jazz, Roy Paci, Skalariak....

http://www.myspace.com/skaduckers

NESLI + Guest - martedì 1 giugno 2010

200 ingressi disponibili fino ad esaurimento... € 10,0 + dp
Prevendite disponibili presso la sede del circolo oppure online su...
http://www.drugstorelignano.com

Biografia di Francesco Tarducci in arte Nesli
Francesco. Francesco per finire la scuola di geometra impiega sette anni, di cui due facendo 200 chilometri di strada alla scuola di recupero, dove, alla fine, il diploma non lo ritira nemmeno. Francesco allo sbando con le droghe. Francesco al quale piace il tennis, perchè se la gioca l’individuo, visto che a lui, i giochi di squadra, non sono mai piaciuti. Francesco che a Senigallia fa lavoretti per mantenersi negli alberghi, come lavapiatti, come tuttofare, che ha fatto il commesso e quello che capitava, ma che ha sempre cercato di lavorare il meno possibile. Perchè il pallino, il ronzio costante nel cervello, è quello di fare musica, e di riuscire a trarne sostentamento, e poterci campare.

Nesli. Nesli che incide il primo demo nel ‘99, a diciannove anni. Nesli che comincia a suonare in giro per l’Italia, e ad avere le prime piccole entrate. Nesli che esordisce nel 2002 col primo album ‘Ego’, al quale seguono ‘Home’ (2004) e ‘Le Verità Nascoste’ (2007). Nesli che facendo rap si appiattisce inconsciamente sullo stereotipo dello sboccato, del duro a tutti i costi, cosa che in fondo non gli appartiene. Nesli che voleva un pitbull, perchè feroce, perchè cattivo, perché simbolo di tenacia, che lo prende e lo porta a casa. Ma quello è un piccolo demonio in miniatura, mangia tutto e si agita in continuazione, e dopo tre giorni lo restituisce, in fondo, chi glielo fa fare? Nesli a 28 anni, si toglie la maschera. Nesli che esce con ‘Fragile’ (2009, Nesliving Vol.2), il concept album antitesi della filosofia ‘rap’.

Francesco Nesli Tarducci. La persona, l’artista, che da sempre vive con un unico filo conduttore: parole in musica. Perchè scriverle, metterle in fila, è l’unica cosa che si sente in grado di fare. Basta una frase, anzi una parola. Perchè con le parole non si gioca. Soprattutto lo sa chi di loro ha fatto una ragione di vita. Il nero dell’inchiostro che riempie il bianco foglio crudele. E al’improvviso sono lì. Le hai davanti. Ti fissano e non puoi più voltarti dall’altra parte. O continui con la farsa. O tiri fuori le palle. Il coraggio di sbilanciarsi. Fragile: la svolta. Ammettere a tutti quanti quello che non riusciva ad ammettere nemmeno a se stesso. Francesco Nesli Tarducci che se la canta. Perchè è l’unica cosa che si sente di fare. E che oggi, con la serenità di rappresentare se stesso, in tutto e per tutto, senza zone d’ombra, dal cuore all’inchiostro senza filtri, lo fa sereno. E si sente. Liriche nitide. Che scorrono e emozionano. Le parole in rima in fila pulite si stringono per mano. E stringono la sua e lo accompagnano costantemente, permettendogli di vivere a Milano, permettondogli di vivere il suo sogno.

DISCOGRAFIA :
EGO. 2002
HOME. 2004
LE VERITA’ NASCOSTE. 2007
NESLIVING VOL 1. 2009
NESLIVING VOL 2 – FRAGILE. 2009

Biografia a cura di Mario Catania

http://iosononesli.it/

domenica 4 aprile 2010

Domenica 4 aprile: THE DUCKERS + BURNIN FYAH SOUNDSYSTEM

The DUCKERS dall'estate 2008: la formazione, strumentale, è composta da trombone a tiro, sax contralto, batteria basso e chitarra... da poco hanno ampliato il loro numero di componenti e hanno "reclutato" un sax tenore.

Ska - Jazz, Musica allegra e che tiene compagnia!!! eseguono soprattutto pezzi propri senza disdegnare l'esecuzione e la rielabolazione di alcune cover nel vecchio e indimenticabile stile Ska!!! Han condiviso il palco con Mr.T Bone & Cato, Furio (Pitura Freska & ska-j), New York Ska Jazz Ensamble. Influenze: Skatalites, New York Ska Jazz, Prince Buster, Bob Marley, Rotterdam Ska-Jazz, Roy Paci, Skalariak....

http://www.myspace.com/skaduckers

***

BURNIN FYAH nasce nel 2003, dalla una grande passione per la musica giamaicana in tutte le sue molteplici espressioni.
In anni di passione e impegno ha saputo ottenere una sempre crescente risposta di pubblico, evolvendo il suo stile alla completa versatilità, dalle selezioni foundation al bashment, dal ragga digital alla dancehall più elettronica. In questi anni BF ha promosso la cultura del sound system in un territorio quale quello di Trieste, che ne era totalmente privo, sia come resident in diversi club della città sia organizzando eventi, promuovendo live di artisti come Alborosie (IT/JAM), Chuck Fenda (JAM) e Mr. Vegas (JAM) .
BF ha suonato nelle yard del Rototom Sunsplash in molte edizioni, mentre nel 2008 ha partecipato alla prima edizione del North East Soundbwoys Arena, evento che ha visto alternarsi on stage i sei sound più rappresentativi del nordest italiano.
Può vantare al suo attivo più di 500 date in tutta Italia e in Slovenia, dividendo negli anni il palco con sound quali Villa Ada, Northern Lights, Zion Cuts, Mad Volcano, Red Storm, Wadada, Bom Chilom, Torreggae, Sud Sound System, LP Int'l (USA), David Rodigan (UK), Civalizee Foundation(BE),

http://www.myspace.com/burninfyah

***

ingresso libero riservato ai soci arci

sabato 3 aprile 2010

Sabato 3/4 CATERINA PALAZZI QUARTET


CATERINA PALAZZI QUARTET

Caterina Palazzi- contrabbasso

Danielle Di Majo- sax alto

Giacomo Ancillotto- chitarra
Maurizio Chiavaro- batteria



Il quartetto, guidato dalla giovane contrabbassista Caterina Palazzi, nasce a Roma nel novembre 06.

I musicisti dell’ensemble provengono tutti da esperienze artistiche affini e complementari, che spaziano dal rock alla musica colta del novecento. La passione condivisa per il jazz e per le musiche improvvisate costituisce il territorio espressivo comune attraverso il quale il gruppo si inoltra per sperimentare e costruire una sonorità originale ed intensa che sintetizza il linguaggio della musica contemporanea con quello della tradizione.

I brani originali, composti dalla leader del quartetto, hanno sonorita’ vicine al jazz mediterraneo e nord-europeo, senza disdegnare un’influenza rock . L’uscita del loro primo lavoro discografico del Caterina Palazzi quartet e’ prevista per l’autunno 09.

Il gruppo vanta numerose esibizioni in jazz club e festival italiani. Da segnalare e’ la partecipazione al concorso nazionale “Baronissi jazz 06”, in cui il quartetto si classifica al primo posto; la partecipazione alla finale del concorso jazz internazionale “Jimmy Woode Award 07”; la partecipazione al concorso nazionale “Nuovi Talenti Jazz 07”, in cui il quartetto si classifica al terzo posto; la partecipazione al concorso nazionale “Barga Jazz 08” (in cui il quartetto e’ selezionato tra le quattro formazioni finaliste e si esibisce all’interno del Festival).



PARTECIPAZIONI:

-IndieJazz festival 2007

-Festival itinerari in jazz 2007

-“Jazz a nota libera”, TeleRadioStereo

-“So What”, RadioCittàAperta

-“Jazztime”,RadioCittàFutura

-Rassegna “Jammin”, Cavea Auditorium Parco Della Musica

-Filarmonica Romana, special guest Roberto Gatto

.Estate Romana@Parco Rosati

-Naturalmente Festival 2007

-Casa Del Jazz, special guest Greg Burk

-Rassegna “Nuovi Talenti jazz” @ Alexanderplatz

-Novembre 07: Tour in Liguria, Lombardia, Emilia Romagna

-Wolf Festival 2008, special guest Maurizio Giammarco

-Febbraio 08: Tour in Lombardia, Abruzzo, Emilia Romagna

-Festival Villa Celimontana 2008

-Atina Jazz Festival 2008

-Festival Jazz On The Road 2008

-Festival Jazz “Sometimes in the Winter 08”

-Rassegna Perla-Gio-Jazz 09 (Bologna)

-Rassegna “La Casa Del Jazz 09” (Pescara)

-Rassegna Young jazz 09 (Campobasso)





Il Caterina Palazzi quartet in due anni di attività vanta piu’ di 100 esibizioni in tutta Italia, in luoghi come: Palazzo D’Avalos di Vasto, Dopolavoro Ferroviario di Campobasso, Ventotto De Vino Jazz Club di Roma, Cantine Morbelli di Ivrea, Il Torrione Jazz Club di Ferrara, Firenze Jazz Club di Firenze, Officine Sonore di Vercelli, Trattoria 1902 di Milano, Maison des Arts di Pescara, Boccolo Club di Parma, Bergamo Jazz Club di Bergamo, Cinema Perla di Bologna, Bebop Jazz Club di Roma, Charity Cafè Jazz Club di Roma, Penguin Cafè di Napoli, Primo Piano Cafè di Fidenza, Podere Elisa di Reggio Emilia, Casale Colle Ionci di Velletri, Oppio Caffè di Roma. Urbinait Jazz Nights a Ostia, Open Bar di Ostia, Mads di Roma, Beba do Samba di Roma, Trastart di Roma, Dune jazz Club di Roma, Casa Del Jazz di Roma, Festa dell’Unità di Colleferro, Cavea Auditorium Parco Della Musica di Roma, Parco Rosati di Roma, Borgo Spoltino di Teramo, Nord-Esr Cafè di Milano, Combo Jazz Club di Imola, Wolf Bar di Bologna, ESC Atelier di Roma, La Bitta Jazz di Chiavari, Alexanderplatz di Roma, Biofiera al Parco della Resistenza, Jerry Lee Pub di Pitigliano, Accademia Filarmonica Romana, Ex Mattatoio di Aprilia, Teatro Antares di Ceccano.

http://www.myspace.com/caterinapalazzi